Superare le Paure …

UNA BUONA TECNICA PER SUPERARE LE PAURE AL CAMBIAMENTO

ora

Zygmunt Bauman, famoso sociologo, sulla scia dei veloci cambiamenti epocali ha teorizzato il passaggio dalla società solida, caratterizzata da senso di stabilità e da quadri politici rigidi e autoritari, alla società liquida, in cui dominano incertezza e precarietà.

Caratteristica di tale società è il continuo mutamento che, come l’acqua, assume ogni forma così come le esperienze individuali e le relazioni sociali si basano su strutture che si decompongono e ricompongono velocemente, in modo incerto, volatile, in assenza di precisi confini.

Su tali basi quella che si respira è l’insicurezza.

Quanto detto porta ad una semplice riflessione “come può l’uomo orientarsi in un presente vago al punto da rendere il concetto di libertà, per cui tanto si è lottato, un sinonimo di caos e paura di decidere?”

Non è semplice rispondere a tale quesito e l’unica soluzione resta nel saper acquisire una maggior flessibilità nell’interpretazione della realtà nella quale ci troviamo.

Pertanto, è importante imparare a cogliere tutte le opportunità che l’ambiente circostante ci offre, senza esclusione, a causa delle nostre paure o dei possibili dubbi che orientano le nostre azioni e decisioni.

Oggi è quasi impossibile programmare il futuro, seguendo uno schema rigido.

Oggi è di vitale importanza creare una percezione del reale elastica, libera da pregiudizi e fare esperienza diretta delle offerte che l’ambiente pone sul percorso.

Questa è la differenza sostanziale tra chi vede nell’incertezza un ventaglio di possibilità da cogliere e chi, invece, un fattore che blocca le scelte personali.

Per rafforzare queste abilità, presenti in tutti noi, si può partire da semplici esercizi quotidiani, che possano aiutarci a combattere la paura di decidere, che fortemente inibisce il cambiamento necessario.

Un esercizio da mettere in atto, rapido ed efficace, è il seguente:

  • Scrivere su un quaderno le proprie paure, quelle che bloccano dall’intraprendere un cambiamento che si vorrebbe realizzare. Ad esempio: “vorrei trasferirmi in un altro Paese per lavoro ma temo di non essere capace di imparare una nuova lingua abbastanza in fretta”;
  • Sullo stesso quaderno elencate e mettete in pratica le azioni che vi porterebbero a raggiungere l’obiettivo, partendo dalla più semplice, più immediata.
  • Ogni giorno, appuntate i timori e le incertezze che sentite nell’affrontare la nuova giornata. Conclusa la stessa giornata controllate quante delle vostre paure si siano effettivamente concretizzate e come le avete gestite. Si potrebbe scoprire che alcuni dei timori non si siano affatto manifestati ma anzi …
  • Continuate con lo stesso esercizio arricchendolo con le sempre nuove piccole azioni necessarie a raggiungere obiettivi intermedi che, col tempo, porteranno a raggiungere lo scopo finale, ed esaminate di volta in volta come risolvete i relativi timori. Otterrete così una serie di problemi e soluzioni che vi dimostrerà che siete perfettamente in grado di gestire tutti i passi indispensabili per arrivare alla meta desiderata.

Sarà bello rendersi conto che la paura spesso non è determinata da un problema concreto, ma è frutto di scarsa fiducia in se stessi: questa consapevolezza vi spingerà col tempo a sperimentare tutti quei piccoli grandi cambiamenti che finora avete rimandato.

Possiamo perciò concludere che la domanda da porsi non è tanto “come può l’uomo orientarsi in un presente così indefinito?” , bensì “come può l’uomo far sì che l’incertezza del presente rappresenti uno stimolo al cambiamento anziché un ostacolo?”.

La risposta è racchiusa nella cognizione che non esiste un momento ideale per avviare il proprio sviluppo personale: il potere di realizzare concretamente i propri obiettivi è nelle mani di ciascuno di noi, e stabilire quando e come farlo è una nostra scelta.