MINDFULNESS: Come meditare ti può aiutare con le emozioni difficili

La meditazione non è tutta calma e pace. Apre uno spazio in te, guarda cosa sta succedendo nella tua mente, compreso ciò che è vivido e potente come il movimento delle tue emozioni – su, giù e lateralmente. Puoi imparare a combattere meno con loro e anzi stringere una amicizia più forte con loro.

Smettila di essere così emotivo!

Quando senti qualcosa del genere, cosa puoi fare veramente?

Puoi provare a spingere verso il basso le tue viscere e farle cambiare, ma è come giocare all’“acchiappa la talpa” interiore. Qualunque cosa tu spinga verso il basso, in un posto più profondo, questo fa sì che si apra un altro varco da qualche altra parte. Lavori duro su te stesso per calmarti, magari per uno scontro al lavoro per ritrovarti più tardi, a urlare contro tua figlia, essenzialmente senza motivo.

Le emozioni sono una bella sfida, ma perché dovremmo smetterla essere emotivi?

Sono la nostra linfa vitale. Rappresentano ciò che ci fa alzare la mattina e attraversare la strada. Anche se il maggior desiderio sarebbe quello di sbarazzarci di loro, non avremmo comunque scelta. Fanno parte del nostro sistema di percepire e rispondere al mondo. Senza di loro, saremmo solo degli automi… La musica non ci commuoverebbe. La perdita non ci riguarderebbe. Niente ci porterebbe alle lacrime. Niente ci farebbe cadere ridendo.

Tuttavia, le emozioni possono provocare il caos e diffondere il dolore per tutta la vita.

Ed è qui che entra in gioco la meditazione.

Contrariamente a quanto credono alcune persone, la meditazione non rende senza emozioni, né converte tutte le emozioni in una situazione di mente in beatitudine. Quando stiamo praticando la meditazione di consapevolezza, se ci sentiamo gelosi, lo sentiamo: il dolore, il senso di colpa, il “raccontarci l’ennesima storia”. Cos’altro succede, però, che abbiamo un po ‘di spazio attorno all’emozione. Possiamo vederlo per quello che è.

Per prima cosa, le emozioni combinano i pensieri (“Roberto ha detto qualcosa di molto brutto “) con sentimenti (una mascella serrata, una smorfia). E i pensieri si organizzano in rapide combinazioni e raccolgono slancio. Mentre meditiamo, notiamo questo processo.

Notiamo come si “sente” l’emozione. Siamo un po’ come uno scienziato!

Il nostro lavoro principale non è giudicarla o provare a cambiarla. È guardare, restare con essa e lasciare che sia. Possiamo vedere che le emozioni non sono permanenti, che arrivano a ondate. Andando più in profondità, vediamo strati complessi. Mentre la gelosia/invidia può apparire completamente negativa e indesiderabile, possiamo scoprire un’energia sottostante che può fornire il carburante per l’ispirazione e l’emulazione.

Se togliamo l’ingrediente dannoso e aggressivo nel file delle emozioni, qualcosa di potente e benefico può rimanere. Questo è ciò che significa domare le nostre emozioni attraverso la meditazione.

Vediamo la possibilità di cavalcare il loro potere senza nuocere altri o, per primi, noi stessi. Possiamo anche scegliere come agire, piuttosto che essere spinti ad agire. C’è arte in questo e come il fotografo Annie Liebovitz ha recentemente sottolineato: “L’arte è disordinata. È difficile.”

Nelle prossime righe, esaminiamo cinque emozioni e alcune “pratiche meditative” di base per lavorare con loro in modo più creativo

LA RABBIA: Può essere una delle emozioni più brutte. Può rovinare qualsiasi situazione. Se si nasconde in profondità può farci ammalare. Ma il bello è che ha anche un potere straordinario. La meditazione ci dà una possibilità per esaminare i nostri sentimenti a un livello più profondo. Può darci la possibilità per vivere appieno un’emozione per quello che è.

Nel momento in cui ti senti arrabbiato e aggressivo, fermati, respira profondamente e trasforma la rabbia in attenzione, cercando di capire dov’è nel tuo corpo, dove la senti e cosa sta succedendo in te.

AMORE: I sentimenti di passione e amore possono renderci così gioiosi. Ma quando portano con sé un intenso attaccamento, possono anche diventare molto dolorosi e distruttivi.

La principale pratica meditativa per l’amore, come per la rabbia, è far brillare la luce della CONSAPEVOLEZZA sui tuoi pensieri e sentimenti. Continua a notare, senza giudicare, cosa sta succedendo nella tua mente e nel tuo corpo

TRISTEZZA Quando ci separiamo o perdiamo qualcuno che amiamo o qualcosa, quando le cose non vanno a modo nostro, la tristezza naturalmente si verifica. Se non analizzate tali situazioni possono essere profondamente malsane.

Uno dei modi più utili per provare a risolverle, è contrastare il nostro ritiro che porta inevitabilmente alla tristezza. Per prima cosa semplicemente CONTEMPLA chi ha già provato tristezza, dolore e perdita. Per esempio, pensa a cosa un genitore ha provato quando il loro amato figlio si è allontanato. Puoi anche pensare semplicemente alla tristezza generata dalla guerra o dall’oppressione. In questo modo, piuttosto che la “mia tristezza”, può diventare la tristezza

PAURA È difficile immaginare la vita senza paura. La sua potenza pura può salvare vite. Può anche paralizzare e invadere ogni parte della nostra vita. Domarla e dirigerla è una delle più grandi sfide della vita.

Dai un nome alla paura. Essere in grado di riconoscere che la paura è presente, può essere estremamente importante per non permetterle di controllarti. Appena noti che il tuo cuore batte più forte che il tuo torace si contrae, che provi irrigidimento alla schiena, lascia che un campanello d’allarme immaginario suoni nella tua testa. Fermati fai 3 o 10 o 20 respiri profondi. E’ necessario rallentare il tuo corpo. Metti la tua mano sul tuo cuore questo aiuterà a riconoscere a te stesso, “Ho paura” e dai un NOME ALLA PAURA così da creare automaticamente un po’ di distanza tra te stesso e la stessa emozione.

GELOSIA: Volere quello che hanno gli altri. Proteggere ciò che abbiamo. Questi sentimenti non sono divertenti. Ma da un esame più attento, possiamo vederci una spinta sottostante che porta ad aspirare ed emulare.

Un modo per esercitarsi con gelosia e invidia (e anche avidità, che è strettamente correlato) è fare una meditazione riflessiva su un oggetto altamente desiderato che comunque mai hai posseduto. TROVA QUALCOSA DI BELLO e desiderabile, fermati e ammira l’oggetto per cinque minuti o più, lascia che i sentimenti del desiderio aumentino, senti il desiderio di afferrarlo e possederlo. quindi lascia andare quei sentimenti. Accetta l’oggetto per quello che è, senza bisogno di essere posseduto o protetto da te

Perché meditare? La meditazione cambierà la vostra vita in modi sottili, come le increspature che alterano la superficie dell’acqua. Aspettati l’inaspettato